Chiesa S, Antonio Abate Foto: Lorenzo Attili

La piccola Chiesa di Sant’Antonio Abate, edificata nel XIV, addossata alla roccia, è sulla via che sale a Castelfranco.  Ha una fronte completamente affrescata, protetta da una tettoia, una porta archiacuta già ornata di due protomi leonine, ora scomparse, sulla cui serraglia (elemento centrate tra quelli che formano la volta dell’arco) sono riportati incisi una croce con a lato due motivi geometrici un oculo e due finestrelle in basso.
Gli affreschi rappresentano un Cristo benedicente tra due angeli, San Giovanni Battista e San Giovacchino, l’Agnello Crucigero e San Cristoforo, sotto cui si notano tracce di pitture più antiche.

L’interno della Chiesa di Sant`Antonio è un vano unico sorretto da due arconi voltati su pilastri cinquecenteschi. A sinistra edicola con l’Eterno e l’Annunciazione, e altri Santi sulla parete vicina.
Poi un altare ligneo molto malridotto. L’altare maggiore divide il presbiterio dalla sagrestia mediante due grate lignee. Dentro la mostra, tela con Sant’Antonio Abate, affiancata da otto episodi della sua vita e tre incantevoli scene nelle quali si riconoscono le categorie più legate al culto del santo: i mulattieri, gli aratori e i pastori. Sulla parete di destra, dalla parte dell’altar Maggiore altro altare ligneo con sopra un affresco molto deperito con Madonna con Bambino, Madonna con Bambino, Sant’Antonio Abate, a sinistra una Crocifissione anch’essa malridotta. Altri affreschi di difficile lettura sul pilastro, parzialmente coperti da un ex voto, sulla faccia destra dello stesso altri affreschi di buona mano, ma molto deperiti.
In controfacciata, Sant’Antonio Abate, affresco del 1514. In un annesso sulla destra della chiesa si intravedono altre tracce di affreschi.

La chiesa è inagibile in seguito agli eventi sismici del 2016 e tutto l’insieme meriterebbe un urgente restauro.

Per saperne di più: http://www.iluoghidelsilenzio.it