Incontri in Valle Castoriana

Ripensare, ricostruire, ripartire: da Ancarano un progetto per il futuro della Valle Castoriana

NORCIA – Ripensare, ricostruire, ripartire’, l’iniziativa svoltasi il 30 ottobre ad Ancarano, ha raggiunto due obiettivi concreti: la forte partecipazione della popolazione e delle istituzioni chiamate a raccolta nonché l’individuazione di punti strategici sui quali concentrarsi nell’immediato futuro per far sì che la ricostruzione decolli e, contemporaneamente, si rilanci anche lo sviluppo sociale, culturale ed economico della Valle Castoriana, una delle più belle ed interessanti vallate del comprensorio della Valnerina, epicentro degli eventi sismici dell’ottobre del 2016.

ancaranorocca-1280x720

Vendesi Castelfranco: la Pompei medievale del Parco dei Sibillini

Vendesi Castelfranco. La comunanza agraria di Ancarano è intenzionata a vendere Castelfranco, antico centro fortificato, per salvare questa minuscola Pompei medievale nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. L’annuncio della vendita sta per essere pubblicato sui più importanti siti internazionali. «L’abbandono crescente – affermano Romeo Canali, presidente della Comunanza Agraria di Ancarano e Santucci Venanzo presidente della Pro Loco – ci spinge a vendere a malincuore questo pregevole bene culturale per garantirne il recupero e la fruibilità, per trasformare questa risorsa culturale in un’occasione di sviluppo economico del territorio».

294944a9-4d34-4e84-913c-7f305b7e71e1

Pergamena Sant’Antonio Abate Capo del Colle

[…] anno Domini millesimo CCCXLVIII, / [indictione] prima, tempore domini Clementis pape VI, mense no/vembris, die XI. Ionta Luce de Ancharano / per gratiam Iesu Christi mente et sensu sanus licet cor/pore languens, timens periculum mortis, no/lens decedere intestatus, suarum rerum et bonorum omnium / disspositionem per presens testamentum facere procurav[it] / quod iure civili dicitur sine scriptis. In primis qui/dem reliquid pro anima sua ad funus XX solidos. Item re/liquid pro cera C solidos ra(vennates). Item reliquid in opere ecclesie / Sancti Anthonii de Ancharano VI solidos et cetera et in/fra alia legata et relicta que in eodem testamento dis/posuit et legavit tale fecit legatum his verbis. Item / reliquid ecclesie Sancti Petri de Rocha Ancharani unam / petiam terre positam in Furcha Ancharani iuxta Val/terium Berardutii et heredes Bennadacti et viam cum / tali conditione adposita, quod fratres et monachi ipsius / ecclesie et loci Sancti Petri dent et dare debeant / solvere ecclesie Sancti Eutitii de Valle Castoriana / vinti et duas libras ravennates, computatis et com/pensatis in dictis XXII libris ra(vennatibus) X libris ra(vennatibus) / quos promixit dictus Ionta dictis monachis et / ecclesie Sancti Eutitii de Vale Castoriana, ut dicitur / adparere manu Sonantis domini Adcurssi de abbaçia / notarii vel manu cuiuscumque notarii adpareret, et si / dicti fratres et monachi de dicta ecclesia Sancti Petri / noluerint et recusaverint solvere, quod dicta terra sit et esse / debeat dicte ecclesie Sancti Eutitii. Item reliquid dicte / ecclesie Sancti Petri de Rocha Ancharani medietatem / unius petie terre pro indiviso positam in Vallocta / Maiori de Ancharano iuxta Petronum France/ssche et Iutium Stabilis, reservato et detracto / blado, quod stat hoc anno presenti in dicta petia / terre. Item ad predicta omnia expendenda et exequenda ad / sensum et voluntatem Butii Berardutii quem suum fidei/commissarium reliquid et fecit, cui dedit licentiam et liberam po/testatem vendendi et alienandi de bonis suis ussque / ad integram sadisfationem dictorum legatorum. Item in omni/bus aliis suis bonis mobilibus et stabilibus / iuribus et actionibus Lippum Valterii eius nepotem / sibi heredem istituit. Et hec est ultima et / postrema eius voluntas quam valere voluit iu/re testamenti et si iure testamenti non valeret saltim / valere voluit iure coticillorum et iure cuiuslibet / alterius ultime voluntatis et omni iure quo melius / valere et tenere potest.

Actum fuit hoc in Capite ville Collis An/charani, in domo dicti Ionte Luce testatoris, presentibus / Butio Angeloni et Massio Andree et Andrea Balli et / Cola Petrutii et Marthelutio Petrutii et Ciccho Cicchi / et Fortino Salvaroni testibus ad hec vocatis et rogatis / a dicto Ionta testatore et Ogolino Vannis notario / qui debet se … subscribere.
Et ego Carutius magistri Angeli de Camplo im/periali auctoritate notarius publicus his omnibus supra/dictis presens interfui et a dicto Ionta testatore / rogatus subscripsi et publicavi.
Et ego Ugolinus Vannis de Camplo pu/blicus imperiali auctoritate notarius predictis interfui / et me … subscripsi secundum formam statuti Communis Nursie.

———————————————————————-

Nell’anno del Signore 1348, indizione prima, nel tempo di papa Clemente VI, mese di novembre, giorno 11.
Giunta di Luca di Ancarano, sano di intelletto seppur infermo nel corpo, temendo di morire intestato, detta le sue ultime volontà.
Lascia per la salvezza dell’anima sua e pel suo funerale venti soldi e cento altri per la cera.
Lascia sei soldi nell’opera della chiesa di S. Antonio di Ancarano.
Lascia alla chiesa di S. Pietro di Rocca di Ancarano un terreno sito in Forca di Ancarano, confinante con Gualtiero di Berarduccio, eredi di Benadatto e via, con condizione vincolante che i monaci della suddetta chiesa siano obbligati a pagare alla abbazia di S. Eutizio di Val Castoriana la somma di ventidue lire di Ravenna, incluse dieci lire già da lui promesse ai monaci di S. Eutizio, come da instrumento di Sonante “domini Adcurssi” notaio dell’abbazia. In caso di inadempienza di questa disposizione, il terreno passi a S. Eutizio.
Lascia alla chiesa di S. Pietro anche la metà di una terra pro indiviso sita “in Vallocta Maiori” di Ancarano, confinante con Petrone di Francesca e Iuccio di Stabile, detratto il frumento in essa prodotto nel presente anno.
Nomina suo fidecommissario Buccio di Berarduccio, con potestà di disporre dei beni di lui testatore fino a totale soddisfazione dei suddetti legati.
Infine nomina suo nepote Lippo di Gualtiero erede di tutti i rimanenti suoi beni mobili ed immobili.
Rogato in Capo del Colle di Ancarano, in casa del suddetto testatore, presenti in qualità di testimoni Buccio di Angelone, Massio di Andrea, Andrea “Balli”, Cola di Petruccio, Martelluccio di Petruccio, Cecco di Cecco, e Fortino di Salvarone.
Notai rogatari: “Carutius” di mastro Angelo (ST) e Ugolino di Vanni (ST) entrambi di Campi